Crescere nell'assurdo. Conversazioni sul teatro e la città dalla costa orientale

filefilesito

 

Crescere nell'assurdo. Conversazioni sul teatro e la città dalla costa orientale
Catania, 9-12 maggio 2019

Ingresso con sottoscrizione libera e volontaria

Programma >>

Giovedì 9 maggio ore 19:30 |Sartoria Editoriale

Abisso
a cura di Avaja

Cosa sputa fuori un abisso? Qual è il segno di un peso immerso nell’acqua? Il mare non riconosce forma, non assorbe identità. Accoglie e raccoglie, tra perdita e rimpatrio. Guidati dal mare, persi nel tempo, scagliati sulla riva. Tra la profondità di un ricordo e un viaggio nell’assurdo.

Per la visione del lavoro lo spazio resterà aperto anche venerdì 10 e sabato 11 maggio dalle ore 19:00 alle ore 21:00

Venerdì 10 maggio ore 17:00 | Teatro Coppola
presentazione del volume

Crescere nell'assurdo. Uno sguardo dallo Stretto
a cura di Lorenzo Donati e Rossella Mazzaglia, Accademia University Press, 2018

Partecipano e dialogano sui temi del libro, insieme al curatore Lorenzo Donati: Compagnia Il Castello di Sancio Panza, Pier Luca Marzo (Università di Messina), Flavia Monfrini (Trame di Quartiere), Simona Scattina (Università di Catania),
Dario Tomasello (Università di Messina), Pier Paolo Zampieri (Università di Messina)

In che modo può l'arte affiancarsi alla crescita e stimolare l'immaginario mantenendo una funzione critica? Crescere nell'Assurdo. Uno sguardo dallo Stretto indaga queste domande, formulate da Altre Velocità all'interno del progetto "Crescere spettatori", e
le relaziona allo Stretto di Messina, dove processi contraddittori di simbolizzazione e
di erosione dell'identità storica convivono con strascichi di un patrimonio popolare ancora vitale e con forme di resistenza culturale. Coniugando un ricco apparato iconografico con le parole di studiosi, critici e prestigiosi artisti del panorama messinese, il volume ripercorre le tracce di un tempo perduto di cui pensiero e arte rinnovano la memoria e la capacità di azione, andando incontro al territorio. Propone, così, un cammino che ci interroga sulle forme, oltre che sui contenuti, di un'educazione al pensiero critico dentro e fuori dalle istituzioni scolastiche e universitarie.

ore 21:00 | Teatro Coppola

Mostrocaligola.
Incontro/spettacolo tra attori, tecnici, personaggi e spettatori.
compagnia Sancio Panza (Messina)
scrittura scenica della compagnia
regia, ideazione luci e spazio scenico Roberto Bonaventura con Monia Alfieri, Gianluca Cesale e Giuseppe Giamboi
costumi Francesca Cannavò
produzione Il Castello di Sancio Panza

Caligola, uno dei personaggi più controversi della storia. Controverso per il suo potere, per il suo amore, per la sua follia e per la sua logica spietata. Svetonio e altre cronache del tempo dipingono l'imperatore romano come un folle insensato e questa è l'immagine storica che ci viene tramandata. Cassio Dione riporta invece tutti i suoi discorsi in senato, e da questi possiamo, forse, cominciare a capirlo. Caligola rompe le convenzioni, distrugge la pochezza del Senato, toglie la maschera al potere. Questa essenza noi cerchiamo di restituire con il nostro lavoro. Smascherare, sentire l'uomo e sentire il tempo, non smettere di sognare, ma guardarci bene in faccia per poterlo ancora fare, veramente. Svelare tutto, il lavoro del regista, dell'attore, il sentire del pubblico. Comprendere
il nostro potenziale di uomini e vederlo ricoperto di pubblicità e tremendo nulla.
Albert Camus, nell'arco della sua esistenza, scrive varie versioni del Caligola, che sempre più diventa un testo sull'assurdità della condizione umana. La regia di Roberto Bonaventura intreccia Il testo con la vita e le prese di posizione di Albert Camus attraverso i suoi taccuini e le sue opere. Un viaggio nell’assurdo per dare un senso
alla vita e all'arte: la rivolta. Intendiamo questa nostra tappa del Caligola come una ri-unione tra attori e pubblico semplicemente perché, come dice Camus, «il mondo
così com'è non è sopportabile, gli uomini muoiono e non sono felici».

Sabato 11 maggio ore 16:30 | Palazzo de Gaetani Patenza

Passeggiata urbana
a cura di Trame di Quartiere
partenza Piazza Giovanni Falcone

Un itinerario proposto alla cittadinanza per favorire, attraverso l'osservazione delle trasformazioni urbane, una presa di coscienza sulle importanti dinamiche che accomunano il passato, il presente e il futuro di un luogo e delle persone che lo vivono.
Per partecipare alla passeggiata è necessaria la prenotazione Per info e prenotazioni: 331 975 2388 oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ore 21:00 | Teatro Coppola
L'orco
compagnia Sancio Panza (Messina)
di Gianluca Cesale e Roberto Bonaventura
regia Roberto Bonaventura
con Gianluca Cesale


Domenica 12 maggio ore 19:30 | Teatro Coppola

Viaggio tra i luoghi dimenticati
Incontro e presentazione dei lavori di Liotrum Urbex Sicilia e Ascosi Lasciti Intervengono: Cristiano La Mantia, Claudio Licitra, Simona Russello

Luoghi in rovina, creati, vissuti e poi dimenticati dall'uomo. Sono i doni nascosti del passato, gli "ascosi lasciti". Celati all'occhio del passante, dominio della natura o della semplice indifferenza. Questi posti sono il manifesto del “terzo paesaggio”. Varcare la soglia: esplorazione urbana. A noi piace definirla riscoperta.

ore 21:00 | Teatro Coppola

Tribolo per i ferribò
tratto da Horcynus Orca di Stefano D'Arrigo
partitura vocale Valentina Lupica
elettronica Riccardo Napoli e Salvo Fallico
con Alice Billò, Daniela Ardito e Valentina Lupica (Catania)

"Tribolo per i ferribò” è un piccolo frammento strappato a quell'abisso narrativo e linguistico che é l'Horcynus Orca di Stefano D'Arrigo. In questo primo studio, nato e maturato all'interno del Teatro Coppola, tre voci al microfono, mischiandosi al suono elettronico dei sintetizzatori, ricreano per frangenti sonori le figure delle femminote: contrabbandiere che piangono l'affondamento dei ‘ferribò’, con cui trasportavano, in tempi felici, le merci da una costa all'altra, prima che la guerra, o la Storia, con i suoi bombardamenti, spezzasse quella dimensione chiusa e circolare entro cui queste creature facevano scorrere le loro vite. La lingua creata e costruita da D'Arrigo non poteva, fin dai primi momenti della ricerca, non suggerire di percorrere una dimensione 'altra' della voce. Una dimensione in cui la parola venisse manipolata non a partire dalla sua funzione illustrativa ma dalla sua materia sonora o suono materico. Una dimensione, insomma, che possa aprire un varco, per chi ascolta, verso sensazioni, percezioni e immagini che, nella narrazione quotidiana della vita, non è così consueto provare.

a seguire

Sana lotus
di e con Pierfrancesco Mucari (Messina)

"Sana Lotus" è un'azione sonora in solo, per saxofono soprano e contralto, marranzani, elettronica in bilico tra influenze antiche e moderne. Pierfrancesco Mucari da vent'anni anni segue la strada della sperimentazione, utilizzando oltre ai saxofoni, il marranzano e strumenti appartenenti a
tale famiglia ma di nazionalità diverse come il Morchang, Doromb, Vargan, Parmupil. Infine tratta elettronicamente il suono dei suoi strumenti acustici.

Teatro Coppola via del Vecchio Bastione, 9 - Catania (zona p.zza Duca di Genova)

Sartoria Editoriale via Vecchia Ognina, 85 - Catania

Palazzo de Gaetani via Pistone, 59 - Catania

Gli spettacoli al Teatro Coppola e la passeggiata urbana prevedono una sottoscrizione libera e volontaria. Tutti gli altri appuntamenti sono a ingresso libero.
Per informazioni: 346 98 55 024 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Elettracore - Festival di Elettronica e Voci a Orologeria 4-5-6 Aprile

53577984 2193520777567578 4619916223738544128 o

 

 

Elettracore, festival di elettronica e voci a orologeria, nasce dalla curiosità e non dalla celebrazione. [...] Non abbiamo organizzato una rassegna della musica che ci piace, abbiamo organizzato incontri fra frequenze, perché le certezze di una pratica consolidata non ci proteggano da esperienze inedite. Sappiamo poco di elettronica, sappiamo poco della voce, ecco perché abbiamo pensato Elettracore, perché quello che non sappiamo è sempre la nostra possibilità.

 

//ELETTRACORE#01
giovedì 4 APRILE

h.18.00
Handmade Electronics - pratiche e strumenti da guardare e toccare
+ Aperitivo

live start at h. 21.00

DR.ALEX / Honolulu
DPD – Storia di tre pacchi

TRIBOLO PER I FERRIBO' EDIT#01 / Palermo
voci a orologeria (da Horcynus Orca di S. D'Arrigo)
di Margherita Ortolani, Valeria Sara Lo Bue, Roberto Cammarata

SEBASTIANO DE GENNARO (19'40'') / Milano
EaTape - For mixer, tape player and telephone pickup coil

WERTO / Catania


//ELETTRACORE#02
venerdì 5 APRILE

h.18.00
Presentazione “Breve storia della musica elettronica” di Johann Merrich
+ Aperitivo

live start at h. 21.00

L'IMPERO DELLA LUCE
Johann Merrich + eeviac / Venezia
suoni elettromagnetici per neon, televisioni, radio, lampade, alimentatori elettrici, laser, elementi ferrosi, magneti e nastro magnetico

TRIBOLO PER I FERRIBO' EDIT#02 / Catania
voci a orologeria (da Horcynus Orca di S. D'Arrigo)
di Daniela Ardito, Alice Billò, Salvo Fallico, Valentina Lupica, Riccardo Napoli

ACCIDENTALE TRIO + EXT-1 / Catania
Santi Costanzo (prepared guitar), Alessandro Grasso (dekstop electronics), Riccardo Napoli (prepared drums)
visual performance by Ext-1


//ELETTRACORE#03
sabato 6 APRILE

h.19.00
“Squat a Frequency! Per un radiodramma” a cura di Teatro Coppola e canecapovolto
+ Aperitivo

live start at h. 21.00

1999 / Palermo
synth analog live techno-sperimentale

KENOBIT / Milano
Game Boy, LSDJ and fast kicks

FRANCESCA97 [Dance Affliction] / Milano
Lo chiameresti RUMORE - Hybrid HipHop DJ Set




//BIGLIETTI

ABBONAMENTO PER I TRE GIORNI = 15 €
INGRESSO GIORNALIERO 30 MARZO = 5 €
INGRESSO GIORNALIERO 4 APRILE = 7 €
INGRESSO GIORNALIERO 5 APRILE = 7 €
INGRESSO GIORNALIERO 6 APRILE = 7 €



// CONTATTI

Per info e prenotazioni rivolgersi a:
pagina facebook: Elettracore - Festival di Elettronica e Voci a Orologeria
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
cell: +393495326504 / +393421651601

 

Altri articoli...

logo no muos niscemi