PISA SI MOLTIPLICA | NASCE IL MUNICIPIO DEI BENI COMUNI

Dopo neanche un mese dall’occupazione del Teatro Rossi, questa mattina è stato occupato l’ex Colorificio Toscano, ex fabbrica dismessa. Un gesto di riappropriazione che dà corpo al Municipio dei Beni Comuni, un percorso nato dal Progetto Rebeldia e poi allargato alla partecipazione di associazioni, spazi indipendenti, singol* cittadin* e attivisti.Pisa si moltiplica e risveglia dal torpore le sonnolente provincie della “buona amministrazione”.Amministrazione che il 13 ottobre aveva risposto militarizzando la città, una reazione ottusa e ridicola.La partecipazione della città alle azioni di questi mesi dimostra che la richiesta di nuove forme di democrazia diretta e costruite dal basso si fa urgente. E ci dice anche che se i governi insisteranno a trasformare la crisi in un’occasione per svendere il patrimonio collettivo a privati e speculatori saccheggiando diritti e tutele troveranno un’opposizione ampia da parte della cittadinanza.I beni comuni non si amministrano, si conquistano e si autogovernano. Gesti creativi che spalancano un altro futuro.

logo no muos niscemi