Ci sostengono

 

«Sono con chiunque si batte per mantenere vivo il nostro patrimonio culturale e quindi...sono con voi.»
Fiorella Mannoia 

«Frankie hi-nrg mc sostiene l'occupazione di entrambi gli spazi (del Teatro Coppola e dei Cantieri della Zisa di Palermo, n.d.r.), ritenendo utile oltre che necessario il ricorso allo strumento dell'occupazione per riuscire a imporre all'attenzione dell'opinione pubblica la questione "cultura", ma anche per riuscire a garantire al pubblico una programmazione alternativa a quella offerta dagli "altri" teatri, vittime delle logiche di mercato che costringono a realizzare cartelloni a base di spettacoli "di cassetta" per riuscire a mantenere la competitività, in assenza della tutela che dovrebbe essere garantita ad istituzioni così nobili e così a rischio. Frankie auspica inoltre che le esperienze del Coppola e dei Cantieri possano fungere da laboratorio, le cui utilità ricadano positivamente su tutti i segmenti della Cultura siciliana e non solo, anche su coloro i quali si pongano attualmente con scetticismo nei confronti di simili iniziative»

Frankie hi-nrg mc

 

 

«Un gesto di responsabilità da parte dei cittadini per un bene comune che appartiene a tutti e torna ad essere vivo e aperto. Un gesto meraviglioso perchè nasce dai cittadini stessi, nasce da un nuovo impegno che parte senza aspettare spinte anzi determinandole, picccole e grosse che siano. Un esempio, una cosa faticosa ma anche facile. Fare parte della gente e mettersi al servizio di una comunità non è un peso impossibile da sopportare, è una gioia.
Musicisti e artisti che ritrovano il senso grande della loro funzione sociale e, diciamolo senza paura, intellettuale rimboccandosi le maniche nel vero senso della parola.
Gli Afterhours sono felici per quello che sta succedendo e saranno ancora più felici se riusciranno ad essere utili a loro volta...
Grazie a chi sta dando a Catania, a noi, a tutti un'occasione per tornare a vivere.»
Manuel Agnelli 

 

«

Mi son più volte chiesto, prima da spettatore e poi da protagonista, quali fossero le relazioni tra Stato e Arte. Per quanto mi sforzassi di cercarne dei nessi, proprio non riuscivo a giustificare questa oscura connivenza. Ma poi riflettendo meglio e soprattutto più maliziosamente, una e una sola motivazione l'ho trovata, seppur non sana: niente più del pensiero che ci porta a riflettere prima e a prenderne coscienza dopo, spaventa tanto chi detiene e amministra il "potere", sia esso una dittatura o una democrazia. Diventa così facilmente comprensibile, ma già mai condivisibile (anzi deprecabile), l'interesse dello Stato nel voler controllare e dover presenziare a ogni movimento della cultura. E lo fa col solito becero baratto/ricatto morale dell' Elemosina Assistenziale, che peraltro nessuno gli ha mai chiesto, se non coloro i quali, per sopperire alla mancanza di talento hanno ben pensato: da una parte di speculare sulle parole di aria montata (la cosiddetta critica) e dall'altra di portare la povera cultura a una livello tale di mediocrità da privare il pubblico persino della capacità di distinguere il buono dal cattivo gusto, i giustamente detti "parvenus". 

E' dunque evidente che il vero e unico "OKKUPANTE ABUSIVO" della cultura e dei suoi luoghi è proprio lo Stato. E' l'ora di ridare agli artisti le loro naturali dimore e allo spettatore la fiducia nella capacità e possibilità di scegliere! Ciò che state facendo a Catania non è altro che un sacrosanto atto di giustizia nei confronti dell'Arte al quale io non posso che far coro.»

 

Marco Parente

 

 

«Anime Belle di questo Luogo Meraviglioso d'Intelligenze e Culture, dichiaro solennemente che stare con Voi ieri ha arricchito la mia persona: ne andiamo superbamente orgogliosi di aver condiviso amore per l'Arte e visioni del mondo: le mie anime di insegnante di lettere, di antropologo, di puparo... e di antico giovenile occupante ieri all'unisono han fatto risuonare in me accordi incredibili! Merci, Dame e Cavalieri del Teatro Coppola: Anime Belle, Anime Belle, terque quaterque Anime Belle!»

Alessandro Napoli, Marionettistica Fratelli Napoli

StampaEmail