Coppola o scuru

Stamattina i solerti tutori dell'ordine elettrico hanno tagliato la luce al Teatro Coppola Teatro dei Cittadini.

Su tale “legittimo” provvedimento preferiamo non fare facili illazioni, frutto esclusivo di intelligenze “illegittime” quali ci onoriamo di essere.

Ci piace però sottolineare che noi non abbiamo paura del buio, anzi.

È nel buio mortificante di questa città che abbiamo scelto di riaccendere per tutti le luci di uno storico palco.

È nel buio accogliente della sala che, per tutti, ogni sera accendiamo le luci di una ribalta civile, visionaria, eterogenea e libera.

Riposizioniamo i pezzi e andiamo avanti, come sempre.

Lo spettacolo continua.

Buio in sala!

logo no muos niscemi